Torna alla Home page
Torna alla Home page

Luca Fanfoni

Luca Fanfoni è nato a Parma, ha iniziato lo studio del violino nella città natale con Giuseppe Alessandri per poi proseguire al Conservatorio di musica “Giuseppe Verdi” di Milano, ove si è diplomato con il massimo dei voti sotto la guida di Gigino Maestri. Giovanissimo vince il primo premio al Concorso internazionale di Stresa, il primo premio al Concorso nazionale di Pescara e il primo premio alla Rassegna nazionale violinistica di Vittorio Veneto. Decisivi per la sua formazione sono stati gli incontri e lo studio con musicisti e violinisti di fama internazionale, quali Leonid Kogan e Franco Gulli all’Accademia Chigiana di Siena, dove ha ottenuto una borsa di studio e conseguito sia il Diploma di merito sia il Diploma d’onore. Ha studiato per cinque anni con Salvatore Accardo presso la Fondazione “Walter Stauffer” di Cremona e in quest’ultima fase di perfezionamento ha partecipato con successo a numerosi concorsi internazionali conseguendo nel 1988 il primo premio al Concorso internazionale “Romano Romanini-Premio Città di Brescia”, dopo essersi brillantemente laureato al Concorso internazionale “Giovan Battista Viotti “ di Vercelli nel 1987 e nel 1989 al Concorso internazionale “Niccolò Paganini” di Genova. Si è esibito in prestigiose sedi quali Carnegie Hall di New York, Palazzo del Quirinale di Roma, Anvers Philharmonie Hall, Kaikan Hall di Kyoto e Geijutsu Gekijo di Tokyo, Sala Verdi del Conservatorio di Milano, Teatro Comunale di Bologna, Hochschule di Vienna, Conservatorio di Lucerna.  Nel 2000 ha registrato per la casa discografica “Phoenix” un cd con musiche di Grieg, Paganini-Milstein, Ravel e Piazzolla. Nel 2001, a conclusione delle celebrazioni del centenario della morte di Verdi, ha registrato un cd, poi pubblicato da “Dynamic”, contenente brani inediti e fantasie brillanti su temi verdiani. Sempre con “Dynamic” ha registrato l’integrale dei 12 Concerti op. III e i 24 Capricci per violino solo  di Pietro Antonio Locatelli, con il complesso cameristico “Reale Concerto”, in veste di direttore e di solista. Nell’ottobre 2004 “Amadeus” ha prodotto e pubblicato le sei sonate per violino solo di Eugène Ysaÿe. Nel maggio 2005, ha tenuto, con il pianista Massimo Guidetti, un concerto presso il Palazzo del Quirinale a Roma, trasmesso in diretta radiofonica su Rai Radio3. Con l’Orchestra dello Stato di San Marino nel 2006 ha interpretato e diretto il VI  Concerto in mi minore di Niccolò Paganini. Nell’ottobre 2007 “Dynamic” ha pubblicato lintegrale dei dieci concerti per violino e orchestra di Antonio Lolli in collaborazione con il “Reale Concerto” del quale è solista e direttore. È docente al Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma. Suona un Gobetti del 1719 e un Poggi del 1971